Il Senato approva il Collegato Ambientale

22 Giugno 2016

Il 4 novembre il Senato della Repubblica ha approvato le Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali (cd. Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità 2014) che, agli articoli 10-15, prevede incentivi per agevolare l’uso di strumenti che promuovono il Green Public Procurement. Un provvedimento che il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti ha definito “strategico per l’Italia” perché in grado di darle “energia verde”.
Dopo i lavori delle Commissioni incaricate il testo è divenuto una vera e propria “Agenda verde” per il Paese e la sua nuova economia, più green e responsabile. Il documento tocca diversi ambiti, dall’edilizia alla mobilità sostenibile, dalla gestione dei rifiuti alle fonti rinnovabili, fino alle iniziative di GPP che diventano obbligatorie per il 100% degli acquisti di beni e servizi che impattano sui consumi energetici (attrezzature elettroniche, servizi energetici, illuminazione pubblica, ecc.) e per il 50% degli altri acquisti delle altre categorie merceologiche.

Tutte le informazioni sull’iter di approvazione a questo link

Social media

News

Forum Compraverde 2022: disponibili online tutte le registrazioni dell’evento

Forum Compraverde 2022: disponibili online tutte le registrazioni dell’evento

Disponibili online le registrazioni del Forum Compraverde Buygreen 2022: le conferenze, i convegni, le interviste e la GPP Academy. Un patrimonio importante di approfondimenti, esperienze e confronti sulle politiche, i progetti, le buone pratiche e le opportunità del Green Public Procurement e la transizione ecologica.

Scompaiono i Criteri Ambientali Minimi dai contratti pubblici? L’allarme dell’esperto

Scompaiono i Criteri Ambientali Minimi dai contratti pubblici? L’allarme dell’esperto

Nell’ultima bozza visionabile dello schema del nuovo Codice dei Contratti Pubblici, risalente al 20 ottobre, è stato cancellato il comma 2 dell’articolo 57, esistente invece nella precedente bozza, che parlava non a caso di “clausole sociali del bando di gara e degli avvisi e criteri di sostenibilità energetica e ambientale” e disciplinava proprio l’ingresso dei CAM nella PA.