Al via domani Compraverde Buygreen. Europa e Recovery Fund i temi di apertura

7 Ottobre 2020

Prende il via domani il Forum Compraverde Buygreen presso lo spazio WeGil e, per la prima volta, anche su piattaforma digital, www.forumcompraverde.it/eventi.

Quest’anno gli Stati Generali degli acquisti verdi animeranno le giornate dell’8 e del 9 ottobre con dibattiti, convegni e workshop per approfondire il tema del Green Public Procurement (GPP), alla luce di una occasione storica come quella legata alle risorse del Recovery Fund e del Green deal.

Ad entrare nel vivo del confronto è già il Convegno di apertura dal titolo “Dal Green Deal al Next Generation: risorse e strategie per la transizione verso uno sviluppo più sostenibile, giusto e inclusivo” (giovedì ore 9.30), con molti interlocutori istituzionali, dal Ministro dell’Ambiente Costa, passando per Maria Cristina Piovesana, Vice Presidente per l’Ambiente, la Sostenibilità e la Cultura, Confindustria, fino a rappresentanti di imprese importanti come Enel e Maire Tecnimont.

Il Forum sarà anche l’occasione per discutere di Economia circolare come fattore di competitività e di tante buone esperienze nel campo del Restauro sostenibile (ore 11.30 Green Realty: innovazione e formazione per il restauro sostenibile) e del Cinema fino alla Finanza sostenibile (ore 16.30 Finanza Sostenibile: tassonomia ESG e Criteri Ambientali Minimi).

Allargheremo inoltre lo sguardo per capire come affrontare le Pandemie presenti e future (ore15.00 Pandemie attuali e future: politiche pubbliche e azioni concrete di contrasto) e quali impatti e conseguenze dovremo gestire sui diritti, la salute e l’ambiente.

Nella giornata conclusiva di venerdì 9, sarà la volta dei numeri e dello stato dell’arte delle politiche per la sostenibilità: Osservatorio Appalti Verdi, alla sua terza edizione, presenterà i numeri sul GPP dei Comuni italiani e degli Enti parco (ore 9.30). A seguire ci sarà la prima edizione di Sustainability Monitor, con i risultati della ricerca sui criteri ambientali nelle catene di fornitura delle grandi imprese (ore 11.30 Sustainability Monitor Report: indagine 2020 sugli acquisti e le catene di fornitura sostenibili in Italia) e la Ricerca sulle Formazioni Manageriali per la Sostenibilità.

La due giorni si concluderà con la consueta consegna dei Premi Compraverde edizione 2020.

Social media

News

Premio Compraverde 2024, candidature aperte fino al 26 aprile. Nuovi premi per la sanità green e lo sport ecosostenibile

Premio Compraverde 2024, candidature aperte fino al 26 aprile. Nuovi premi per la sanità green e lo sport ecosostenibile

Al via le candidature per la nuova edizione del Premio Compraverde, i bandi sono aperti online fino al 26 aprile 2024. Allo storico premio dedicato ai bandi verdi, alla ristorazione sostenibile, all’edilizia e alla cultura a basso impatto, si aggiungono due nuovi riconoscimenti: Ospedale Verde e Sport in Verde. Enti, imprese e associazioni “green” saranno selezionate nei prossimi tre mesi e premiate alla XVIII edizione del Forum Compraverde Buygreen, il 15 e il 16 maggio a Roma.

Stop al greenwashing: la direttiva europea punto per punto

Stop al greenwashing: la direttiva europea punto per punto

Dopo il voto all’Europarlamento all’approvazione definitiva delle nuove norme contro il greenwashing manca solo il via libera del Consiglio Ue. Si tratta di una legge fondamentale che rappresenta un primo passo per debellare la pratica del greenwashing e fornire trasparenza ai consumatori. I prossimi passi sono la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e il recepimento dagli Stati membri entro 2 anni.

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Oltre 15 organizzazioni europee, hanno inviato una lettera congiunta alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen con un messaggio chiaro: usiamo gli appalti pubblici alimentari per fornire cibo più sostenibile e più sano! Le organizzazioni chiedono di definire chiaramente le aree per il futuro sviluppo di criteri minimi obbligato per l’acquisto di alimenti sostenibili e, in particolare, di includere 4 standard minimi strategici.