Un Manifesto per stabilire gli standard minimi per le mense pubbliche nell’UE

12 Gennaio 2023

Per ispirare la Commissione europea e gli Stati membri dell’UE, nonché le autorità pubbliche regionali e locali, in ambito di approvvigionamento alimentare sostenibile nasce il Manifesto con gli standard minimi per le mense pubbliche europee. Il documento (conosciuto anche come il Manifesto degli acquisti Farm2Fork) è promosso dalla campagna Buy Better Food e riporta sette proposte attuabili per la definizione di standard minimi per le mense pubbliche in Europa.

Il Manifesto chiede uno standard minimo per le mense pubbliche di tutta l’UE come parte dell’attuazione della strategia Farm to Fork. Contiene obiettivi precisi, criteri per le gare d’appalto, verifiche e fattori abilitanti per sette aree di intervento che vanno oltre gli appalti pubblici “verdi” (o rispettosi dell’ambiente): alimenti sani; pratiche biologiche e altre pratiche agro-ecologiche; sostegno ai piccoli agricoltori; azioni per il clima; economia sociale e diritti dei lavoratori; commercio equo e solidale; benessere degli animali.

Cosa succederebbe se tutte le mense pubbliche e scolastiche d’Europa dovessero rispettare criteri minimi obbligatori a sostegno dell’attuazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile? Alcuni potrebbero opporsi a costi più elevati, ma è ormai comprovato che i costi delle pratiche non sostenibili relative a uno qualsiasi di questi aspetti sono di gran lunga superiori per la società e i contribuenti. Perché comprare cibo a basso costo e non salutare quando gli appalti pubblici alimentari offrono l’opportunità di raggiungere obiettivi di sostenibilità e di salute? Acquistare meglio per ottenere di più è l’intento di questo Manifesto.

Il Manifesto è fonte di ispirazione per i responsabili politici a tutti i livelli di governo. L’11 ottobre 2022, nel corso di un evento chiave presso il Comitato Europeo delle Regioni a Bruxelles, il Manifesto è stato consegnato ad Alexandra Nikolakopoulou, capo unità per la strategia Farm to Fork della Commissione europea. Il Manifesto è stato approvato da numerose organizzazioni di esperti e da governi locali e regionali di tutta Europa.

Se siete un’amministrazione locale o regionale europea che desidera diventare un sostenitore del Manifesto, cliccate qui!

Manifesto degli acquisti Farm2Fork

Social media

News

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Dopo sei lunghi anni l’Italia ha il suo Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC). Con decreto firmato dal ministro Gilberto Pichetto Fratin lo scorso 21 dicembre (il n. 434) e ufficializzato il 2 gennaio 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica pone una prima pietra sui processi di adattamento al cambiamento climatico in un Paese che gli scienziati considerano un hotspot climatico. Ecco cosa ne pensano gli ambientalisti.

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Da un lato c’è il greenwashing, la tendenza di molte aziende di autoproclamarsi sensibili ai temi ambientali quando in realtà non lo sono. Dall’altro il green hushing, l’intenzione di mantenere segreti obiettivi e risultati di sostenibilità, anche quando sono plausibili, per paura di essere accusati di greenwashing o per paura che altri possano imitare le stesse buone pratiche. In entrambi i casi il silenzio comporta conseguenze tutt’altro che positive.

Principio DNSH: aggiornati gli orientamenti tecnici della Commissione Europea per valutare le misure PNRR

Principio DNSH: aggiornati gli orientamenti tecnici della Commissione Europea per valutare le misure PNRR

Lo scorso 11 ottobre è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la Comunicazione della Commissione UE C/2023/111 che aggiorna gli “orientamenti tecnici sull’applicazione del principio del “non arrecare un danno significativo” all’ambiente anche noto come principio DNSH, cioè “Do No Significant Harm”. La pubblicazione fornisce casi pratici di applicazione, con tanto di schede e simulazioni.