Inaugurata a Roma l’XI edizione del Forum CompraVerde-BuyGreen

12 Ottobre 2017

Si è aperta questa mattina a Roma con il convegno ‘GPP obbligatorio: cosa serve ora?‘ l’XI edizione del Forum CompraVerde-BuyGreen, appuntamento internazionale con gli Stati Generali degli Acquisti Verdi, in programma fino a domani, venerdì 13, al Salone delle Fontane. Appuntamento imprescindibile per chiunque si interessi di politiche, progetti e azioni di Green Public Procurement (GPP), la manifestazione propone un ricchissimo programma di convegni, workshop, sessioni formative, scambi one to one, spazi espositivi, con l’obiettivo di fare il punto sulle novità legislative, le best practices nazionali e internazionali e le opportunità in materia di acquisti verdi.

«L’Italia è al primo posto in Europa dal punto di vista della legislazione in materia di acquisti verdi. Abbiamo quindi a disposizione un potente strumento di politica ambientale e un vettore di cambiamento fondamentale, che fa della Pubblica Amministrazione un driver capace di valorizzare la Green Economy, producendo valore economico ambientalmente e socialmente sostenibile – ha dichiarato Barbara Degani , Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, intervenendo al convegno di apertura. – L’impegno del Ministero dell’Ambiente e delle istituzioni coinvolte nel processo di cambiamento è ora quello di creare le condizioni per un’ampia e diffusa implementazione del Green Public Procurement. Per farlo intendiamo agire sui piani della comunicazione e della formazione rivolta alle Pubbliche Amministrazioni e agli operatori economici, mettendo in comune le buone pratiche migliori emerse nei territori e attivando un Osservatorio permanente sul GPP che coinvolga tutti gli attori del settore».

Alla cerimonia e al convegno di apertura del Forum hanno inoltre partecipato il Presidente della Fondazione Ecosistemi promotrice dell’evento, Massimo Ferlini, il Segretario Generale del Ministero dell’Ambiente della Romania, Teodor Dulecata, l’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Lazio, Carlo Hausmann, il Vicesindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale, Fabio Fucci, l’Assessore all’Ambiente ed Energia della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Sara Vito, Enrico Fontana, segreteria nazionale Legambiente, oltre che rappresentanti di UnionCamere,Coordinamento Nazionale Agende 21, CONAI, Sofidel Spa, Università di Lodz, Sardegna Film Commission.

Il convegno è stata occasione per fare il punto, con le istituzioni nazionali e locali e le imprese e le associazioni del settore, sullo stato di attuazione del Green Public Procurement. A seguito dell’approvazione del Nuovo Codice sugli Appalti, che vincola le pubbliche amministrazioni a scegliere beni e servizi tenendo conto del loro impatto ambientale e sociale nel corso dell’intero ciclo di vita e integrando i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, l’Italia è oggi il primo Paese in Europa dove il Green Public Procurement (GPP) è obbligatorio per legge. Un traguardo importante che può rendere il nostro Paese un punto di riferimento a livello internazionale nel processo di conversione ecologica dell’economia.

«La Città metropolitana è tra i primi, se non l’unico, ente che procede al monitoraggio informatizzato degli acquisti verdi – ha dichiarato Fabio Fucci, Vice Sindaco della Città metropolitana di Roma Capitale. – La vera sfida è costruire un modello virtuoso, da trasferire ai Comuni del territorio, dotandoli di tutti gli strumenti necessari per spingere anche il mercato e le realtà imprenditoriali nella direzione della riduzione delle emissioni, del controllo del ciclo dei rifiuti, rendendo attrattivo per il settore privato l’investimento in rinnovabili, acquisti verdi, riduzione e gestione dei rifiuti. L’esperienza di Urban Wins, che seguo in doppia veste, come Vice sindaco metropolitano e Sindaco di Pomezia, è in quest’ottica uno dei tanti progetti che mirano a valorizzare l’esperienza locale e a trasferire ad altre realtà modelli efficienti».

«Legambiente intende rilanciare, in seguito all’approvazione della legge sul GPP, l’applicazione effettiva di una normativa importante attraverso un’azione di monitoraggio civico e territoriale capace di mettere in luce le amministrazioni virtuose che stanno già rispondendo in maniera positiva e allo stesso tempo evidenziare gli enti pubblici che sono meno ricettivi al tema degli acquisti verdi – ha dichiarato Enrico Fontana, Responsabile nazionale Economia civile Legambiente. – E’ necessario inoltre avviare un percorso di formazione ed informazione rivolto alla rete civica, alle imprese e alle pubbliche amministrazioni per rendere sempre più effettiva la transizione verso un’economia davvero sostenibile».

Fra i numerosi eventi della manifestazione, che accoglie anche i lavori della ‘Med Green Growth Community’s second transnational event’, con più di 100 partner provenienti da 15 paesi e relativi a 6 programmi Interreg, si segnala l’appuntamento di venerdì 13, dalle ore 11.30 alle 13.30, ‘Le città metropolitane firmano il protocollo per il GPP’ fra il Ministero dell’Ambiente e i rappresentanti delle città metropolitane di Roma, Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Bari, Cagliari, Palermo, Catania, Genova, Messina, Reggio Calabria. Inoltre, nel corso del suo evento conclusivo, venerdì 13 alle 16.30, il Forum CompraVerde-BuyGreen seleziona e premia con riconoscimenti specifici, le migliori esperienze italiane di GPP: verranno attribuiti cinque importanti premi nazionali (CompraVerde, MensaVerde, Vendor Rating e Acquisti Sostenibili, CulturainVerde, EdiliziaVerde) a istituzioni e imprese che si sono distinte nell’adozione di criteri verdi nell’ambito delle loro attività.

Oltre a convegni e seminari, il Forum propone per l’intera durata della manifestazione gli appuntamenti della GPP ACADEMY, dedicata alla formazione continua e uno SPAZIO ESPOSITIVO per favorire l’incontro tra domanda e offerta di operatori specifici del settore dei prodotti a basso impatto ambientale.

Il Forum CompraVerde-BuyGreen 2017 è promosso dalla Fondazione Ecosistemi, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Unioncamere, il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, ICLEI e Banca Etica, ed è il primo evento italiano certificato ISO20121 come ‘evento sostenibile’.

Programma completo: https://www.forumcompraverde.it/programma/
Aggiornamenti: https://www.forumcompraverde.it/
https://www.facebook.com/forumcompraverde
https://twitter.com/_compraverde

Social media

News

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Oltre 15 organizzazioni europee, hanno inviato una lettera congiunta alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen con un messaggio chiaro: usiamo gli appalti pubblici alimentari per fornire cibo più sostenibile e più sano! Le organizzazioni chiedono di definire chiaramente le aree per il futuro sviluppo di criteri minimi obbligato per l’acquisto di alimenti sostenibili e, in particolare, di includere 4 standard minimi strategici.

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Dopo sei lunghi anni l’Italia ha il suo Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC). Con decreto firmato dal ministro Gilberto Pichetto Fratin lo scorso 21 dicembre (il n. 434) e ufficializzato il 2 gennaio 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica pone una prima pietra sui processi di adattamento al cambiamento climatico in un Paese che gli scienziati considerano un hotspot climatico. Ecco cosa ne pensano gli ambientalisti.

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Da un lato c’è il greenwashing, la tendenza di molte aziende di autoproclamarsi sensibili ai temi ambientali quando in realtà non lo sono. Dall’altro il green hushing, l’intenzione di mantenere segreti obiettivi e risultati di sostenibilità, anche quando sono plausibili, per paura di essere accusati di greenwashing o per paura che altri possano imitare le stesse buone pratiche. In entrambi i casi il silenzio comporta conseguenze tutt’altro che positive.