GreenFEST a Torino per i Criteri Ambientali Minimi nelle attività culturali

7 Novembre 2018

Dopo Roma, Milano e Cagliari, il prossimo appuntamento del  progetto GreenFEST per approfondire il tema dei criteri ambientali minimi per il settore espositivo con stakeholder e fornitori sarà Torino, il 13 novembre. L’incontro avrà luogo presso il Museo EgizioIl progetto GreenFEST è stato uno degli appuntamenti della XII edizione del Forum CompraVerde BuyGreen il 18 ottobre  a Roma, dove partners e stakeholders hanno discusso la prima bozza di documento con i criteri minimi da adottare nei bandi di gara per l’affidamento dei servizi di organizzazione e gestione di un evento culturale, al fine di assicurare la sua sostenibilità ambientale.

A poche settimane dall’incontro al CompraVerde, il prossimo martedì a Torino presso la sede del Museo Egizio verranno presentati i Criteri Ambientali Minimi per festival, rassegne culturali ed eventi musicali, discussi al precedente tavolo di lavoro al forum. Seguirà l’introduzione e la discussione della prima bozza dei Criteri Ambientali Minimi per mostre ed esposizioni redatta grazie al coinvolgimento degli stakeholders che, come per il documento precedente,  ha permesso di far emergere gli impatti ambientali delle attività culturali, la valutazione dei costi lungo il ciclo vita dei progetti e la valutazione dei costi e dei benefici ambientali e sociali.

GreenFEST, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LIFE 2016 e coordinato da Anci Lombardia, mira a diffondere le Buone Pratiche esistenti in Italia di Green Public Procurement per l’adozione di Criteri Ambientali Minimi nel settore delle attività culturalifinanziate, promosse o gestite da Soggetti Pubblici. I partner coinvolti hanno come obiettivo la definizione di linee guida che possano effettivamente essere messe in pratica, pertanto i prossimi passi di lavoro saranno volti a definire un pacchetto di documentazione che faccia anche da kit formativo per le amministrazioni locali.

Social media

News

Forum Compraverde Buygreen: rendere sostenibili con criteri ambientali e sociali gli appalti pubblici compito di oggi non di domani

Forum Compraverde Buygreen: rendere sostenibili con criteri ambientali e sociali gli appalti pubblici compito di oggi non di domani

Si sono aperti oggi a Roma i lavori della XVIIa edizione del Forum Compraverde Buygreen, gli Stati Generali degli acquisti verdi. Al centro dei lavori il ruolo fondamentale del GPP nelle politiche per la decarbonizzazione, l’economia circolare e la tutela della biodiversità. Il primo convegno della giornata “Cambia gli acquisti e non il clima”, si è aperto con il saluto inviato al Forum dal Viceministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica Vannia Gava.

Cosa richiedono i progetti del PNRR: strumenti di supporto all’applicazione del principio DNSH

Cosa richiedono i progetti del PNRR: strumenti di supporto all’applicazione del principio DNSH

Al convegno di giovedì 18 maggio verrà presentato il Vademecum DNSH  realizzato da Fondazione IFEL con la Fondazione Ecosistemi. La pubblicazione si compone di diversi Quaderni operativi (già pubblicati quelli relativi a Edilizia e cantieristica e Impianti) e due allegati (già pubblicato quello con un facsimile della relazione DNSH). L’obiettivo è indirizzare RUP e progettisti verso riferimenti metodologici e tecnici utili a dimostrare il rispetto del principio DNSH.

Progettare una gara sostenibile in sanità: le caratteristiche tecniche del tessile nel rispetto dei CAM

Progettare una gara sostenibile in sanità: le caratteristiche tecniche del tessile nel rispetto dei CAM

I CAM per i servizi di lavanolo adottano criteri ambientali e sociali che hanno l’obiettivo di migliorare l’efficienza idrica ed energetica, ridurre l’impatto ambientale dei detergenti e della logistica, migliorare la gestione del rischio e il controllo della biocontaminazione, migliorare la prevenzione dei rifiuti e il riciclo dei prodotti tessili, favorire gli investimenti green. Aziende sanitarie e ospedali stanno adottando questi criteri? E come cambierà in futuro il mercato?