Forum Compraverde 2023, ecco le novità degli Stati Generali degli acquisti verdi in arrivo il 17 e il 18 maggio

18 Aprile 2023

Sarà per la prima volta il mese di maggio, nelle giornate di mercoledì 17 e giovedì 18, ad accogliere l’edizione 2023 del Forum Compraverde Buygreen, gli Stati Generali degli acquisti verdi, organizzato dalla Fondazione Ecosistemi a palazzo WeGil a Roma.  

“Cambia gli acquisti non il clima” è l’invito urgente che i promotori del Forum rivolgono oggi ai principali attori coinvolti negli acquisti di beni e servizi a passare all’azione, ad attuare la conversione ecologica delle modalità di produzione e di consumo per ridurre la probabilità di gravi cambiamenti climatici.

Il PNRR, il principio DNSH (Do No Significant Harm) e la transizione ecologica giusta sono i fili conduttori di un programma che nella due giornate dei lavori vede a confronto diretto i maggiori esperti del settore, politici, autorità pubbliche e private.

Il 17 maggio il focus sarà sul ruolo fondamentale che gli appalti pubblici hanno nelle politiche per la decarbonizzazione, l’economia circolare e la tutela della biodiversità. Si parlerà, inoltre, del ruolo del Green Procurement nelle food policy in Italia e in Europa. Al centro della giornata ci sarà anche il punto sui nuovi Criteri Ambientali Minimi per gli eventi e la presentazione per la prima volta del catalogo We Green, una guida di prodotti e servizi per realizzare eventi a ridotto impatto ambientale.

Il 18 maggio l’attenzione sarà sui numeri del Green Public Procurement in Italia con la presentazione del VI° rapporto dell’Osservatorio Appalti Verdi, realizzato da Legambiente  e Fondazione Ecosistemi. In giornata, inoltre, ci sarà il focus su città e clima, con l’analisi dei percorsi che dovranno intraprendere le 9 città italiane (Bergamo, Bologna, Firenze, Milano, Padova, Parma, Prato, Roma, Torino), impegnate a ridurre le emissioni di gas serra nelle aree urbane per raggiungere la neutralità climatica entro il 2030.

Il Forum parlerà anche di scuole sostenibili, inclusive e sane. Durante la due giorni si segnalano in particolare i workshop: come realizzare edifici a basso impatto ambientale nel rispetto dei criteri ambientali minimi e del principio DNSH e come valorizzare il background migratorio negli appalti.

La GPP Academy, punto di riferimento in ambito formativo, sarà attiva in live streaming con sessioni formative e informative sulle novità legislative, i progetti e le buone pratiche di sostenibilità.

Il Forum assegnerà il Premio Compraverde 2023 alle migliori esperienze italiane di Green Public Procurement nelle sezioni: Bando Verde, Politica GPP, Mensa Verde, Vendor Rating e Acquisti Sostenibili, Cultura in Verde, Edilizia in Verde e Social Procurement.

Il Forum Compraverde Buygreen è promosso da Fondazione Ecosistemi con il patrocinio e la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Regione Lazio e Roma Capitale in partnership con Legambiente, Agende 21 Locali Italiane, Confindustria, ALI – Autonomie Locali Italiane, Fairtrade, Confcooperative Lavoro e Servizi.

Il programma delle due giornate si può visionare QUI!

Social media

News

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Dopo sei lunghi anni l’Italia ha il suo Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC). Con decreto firmato dal ministro Gilberto Pichetto Fratin lo scorso 21 dicembre (il n. 434) e ufficializzato il 2 gennaio 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica pone una prima pietra sui processi di adattamento al cambiamento climatico in un Paese che gli scienziati considerano un hotspot climatico. Ecco cosa ne pensano gli ambientalisti.

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Da un lato c’è il greenwashing, la tendenza di molte aziende di autoproclamarsi sensibili ai temi ambientali quando in realtà non lo sono. Dall’altro il green hushing, l’intenzione di mantenere segreti obiettivi e risultati di sostenibilità, anche quando sono plausibili, per paura di essere accusati di greenwashing o per paura che altri possano imitare le stesse buone pratiche. In entrambi i casi il silenzio comporta conseguenze tutt’altro che positive.

Principio DNSH: aggiornati gli orientamenti tecnici della Commissione Europea per valutare le misure PNRR

Principio DNSH: aggiornati gli orientamenti tecnici della Commissione Europea per valutare le misure PNRR

Lo scorso 11 ottobre è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la Comunicazione della Commissione UE C/2023/111 che aggiorna gli “orientamenti tecnici sull’applicazione del principio del “non arrecare un danno significativo” all’ambiente anche noto come principio DNSH, cioè “Do No Significant Harm”. La pubblicazione fornisce casi pratici di applicazione, con tanto di schede e simulazioni.