Forum Compraverde 2021: si apre il 6 ottobre con Recovery Plan e Transizione Ecologica

4 Ottobre 2021
Il Forum Compraverde 2021 si apre il 6 ottobre con il focus sul Recovery plan e la transizione ecologica. Ospiti della prima giornata l’Assessora della Regione Lazio Roberta Lombardi e l’eurodeputata Simona Bonafe’. Il monitoraggio degli appalti per la gestione dei 69,6 miliardi di euro stanziati per la “rivoluzione verde” è al centro della prima conferenza in programma.

Sono ben 69,6 i miliardi stanziati dal Governo Draghi per la “rivoluzione verde e la transizione ecologica”, una delle sei missioni presenti all’interno del PNRR e che l’Italia si è prefissata di completare nei prossimi anni con il sostanzioso aiuto dell’Unione Europea. Per questo mercoledì 6 ottobre, ad inaugurare la XV edizione del Forum Compraverde Buygreen organizzato dalla Fondazione Ecosistemi a Roma, nella location del palazzo WeGil a Trastevere (largo Ascianghi 5), sarà proprio una conferenza sul tema degli appalti verdi e recovery plan, per una reale transizione ecologica.

Ospiti di questo primo atto del Forum 2021 saranno l’assessora alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale della Regione Lazio Roberta Lombardi, l’eurodeputata e membro della Commissione per l’Ambiente, la Sanità Pubblica e la Sicurezza Alimentare Simona Bonafè, oltre alla Capo Dipartimento per la Transizione Ecologica e gli investimenti verdi del Ministro della Transizione Ecologica Laura D’Aprile, la vice presidente per Ambiente, Sostenibilità e Cultura di Confindustria Maria Cristina Piovesana, l’Head of Circular Economy and Innovability di Enel Spa Luca Meini, il presidente di Legambiente Onlus Stefano Ciafani, l’assessora all’Ambiente, al Verde e ai parchi sovracomunali di Brescia e presidente del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Miriam Cominelli, Andrea Morniroli del Forum Disegualianze e Diversità e il sindaco di Pesaro e Presidente di Autonomie Locali Italiane Matteo Ricci.

Andando nello specifico dei fondi previsti, 5,27 miliardi di euro saranno dedicati all’economia circolare all’agricoltura sostenibile, 23,78 per energie rinnovabili, idrogeno, rete e mobilità sostenibile, 15,22 per efficienza energetica e riqualificazione degli edifici, 15,06 per la tutela del territorio e della risorsa idrica: va da sé che il monitoraggio degli appalti è parte fondamentale e imprescindibile in questa fase, al fine di garantire che la ripresa del nostro Paese dopo la crisi pandemica sia davvero all’insegna della sostenibilità, dei diritti e della parità di genere.

Gli appalti pubblici saranno il cuore del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e del Green Deal: dovranno però rispettare i criteri definiti dal pilastro sociale europeo e i criteri ambientali, per tutelare il clima, le risorse naturali e la biodiversità, le vere emergenze della nostra epoca. La transizione ecologica giusta passa per il rafforzamento di questa capacità istituzionale e per un piano di monitoraggio degli esiti degli appalti che coinvolga anche le parti sociali. Come affrontare questa sfida: sarà questo il tema centrale della XV° edizione del Forum Compraverde”– sottolinea Silvano Falocco, Direttore generale del Forum Compraverde.

Il Forum è organizzato dalla Fondazione Ecosistemi in partnership con il Ministero della Transizione Ecologica, Regione Lazio, Legambiente, Agende 21 Locali Italiane, Unioncamere, Confindustria, ALI, Fairtrade, Confcooperative, Camera di Commercio di Roma e Unioncamere Lazio.

Social media

News

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Oltre 15 organizzazioni europee, hanno inviato una lettera congiunta alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen con un messaggio chiaro: usiamo gli appalti pubblici alimentari per fornire cibo più sostenibile e più sano! Le organizzazioni chiedono di definire chiaramente le aree per il futuro sviluppo di criteri minimi obbligato per l’acquisto di alimenti sostenibili e, in particolare, di includere 4 standard minimi strategici.

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Dopo sei lunghi anni l’Italia ha il suo Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC). Con decreto firmato dal ministro Gilberto Pichetto Fratin lo scorso 21 dicembre (il n. 434) e ufficializzato il 2 gennaio 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica pone una prima pietra sui processi di adattamento al cambiamento climatico in un Paese che gli scienziati considerano un hotspot climatico. Ecco cosa ne pensano gli ambientalisti.

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Da un lato c’è il greenwashing, la tendenza di molte aziende di autoproclamarsi sensibili ai temi ambientali quando in realtà non lo sono. Dall’altro il green hushing, l’intenzione di mantenere segreti obiettivi e risultati di sostenibilità, anche quando sono plausibili, per paura di essere accusati di greenwashing o per paura che altri possano imitare le stesse buone pratiche. In entrambi i casi il silenzio comporta conseguenze tutt’altro che positive.