Da CompraVerde-BuyGreen a Matera:
GPPbest giunge alla sua conferenza finale

22 Maggio 2018

Condividere i metodi di lavoro adottati e i risultati ottenuti con altre amministrazioni pubbliche ed altri soggetti interessati a livello europeo. Questo mira il progetto GPPbest che, venerdì 25 maggio a Matera, capitale europea della cultura 2019, terrà la sua conferenza finale. Durante l’evento, al Palazzo Viceconte, i partecipanti avranno l’opportunità di confrontarsi in maniera attiva e di lavorare insieme per definire punti di contatto, sinergie e collaborazioni da attivare nell’immediato e nel futuro.

Oltre ai partner del GPPbest saranno presenti i referenti di nuovi progetti cui il GPPbest passa simbolicamente il testimone per garantire che la comunità di attivatori del GPP cresca facendo tesoro delle esperienze in corso e passate.  Tra i temi di spicco della conferenza vi saranno la programmazione delle politiche per il GPP e il contributo che gli acquisti verdi possono portare allo sviluppo di economie e filiere locali, come quelle legate all’organizzazione delle manifestazioni culturali.

Il Forum CompraVerde-BuyGreen – luogo per eccellenza di apprendimento, attuazione e diffusione del GPP, di conoscenza delle politiche, le normative, le iniziative nazionali ed internazionali e le migliori buone pratiche sugli acquisti sostenibili – negli ultimi 2 anni è stato anche il contesto più adatto e una cornice internazionale per il progetto GPPbest. Nel 2016, al Forum, partner e protagonisti del progetto si sono incontrati in occasione della prima conferenza europea GPPbest, per presentare i primi risultati raggiunti dai partner GPPbest e avviare un dialogo di confronto con i principali attori istituzionale ed esperti membri della Rete delle città europee Procura +.

GPPbest e i suoi partner sono stati presenti anche all’XI Edizione di CompraVerde-BuyGreen, affidando ancora una volta alla manifestazione la promozione del progetto e dei suoi risultati, visto il contesto privilegiato, l’ampiezza del pubblico e la risonanza che il forum può dare a queste iniziative. In tale occasione, le Regioni Lazio, Basilicata e Sardegna, la Fondazione Ecosistemi e il Ministero dell’Ambiente, dell’Acqua e delle Foreste della Romania hanno presentato i risultati raggiunti dal progetto GPPbest con l’obbiettivo di diffondere le buone pratiche di GPP e dei nuovi modelli per il consumo sostenibile.

Social media

News

Premio Compraverde 2024, candidature aperte fino al 26 aprile. Nuovi premi per la sanità green e lo sport ecosostenibile

Premio Compraverde 2024, candidature aperte fino al 26 aprile. Nuovi premi per la sanità green e lo sport ecosostenibile

Al via le candidature per la nuova edizione del Premio Compraverde, i bandi sono aperti online fino al 26 aprile 2024. Allo storico premio dedicato ai bandi verdi, alla ristorazione sostenibile, all’edilizia e alla cultura a basso impatto, si aggiungono due nuovi riconoscimenti: Ospedale Verde e Sport in Verde. Enti, imprese e associazioni “green” saranno selezionate nei prossimi tre mesi e premiate alla XVIII edizione del Forum Compraverde Buygreen, il 15 e il 16 maggio a Roma.

Stop al greenwashing: la direttiva europea punto per punto

Stop al greenwashing: la direttiva europea punto per punto

Dopo il voto all’Europarlamento all’approvazione definitiva delle nuove norme contro il greenwashing manca solo il via libera del Consiglio Ue. Si tratta di una legge fondamentale che rappresenta un primo passo per debellare la pratica del greenwashing e fornire trasparenza ai consumatori. I prossimi passi sono la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e il recepimento dagli Stati membri entro 2 anni.

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Oltre 15 organizzazioni europee, hanno inviato una lettera congiunta alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen con un messaggio chiaro: usiamo gli appalti pubblici alimentari per fornire cibo più sostenibile e più sano! Le organizzazioni chiedono di definire chiaramente le aree per il futuro sviluppo di criteri minimi obbligato per l’acquisto di alimenti sostenibili e, in particolare, di includere 4 standard minimi strategici.