Comune di Samassi, dalla mensa verde premiata al forum un suggerimento per Lodi

17 Ottobre 2018

Uno dei premi istituiti dal Forum CompraVerde-BuyGreen è il “Mensaverde”, riconosciuto a quelle realtà pubbliche o private che si siano distinte per la particolare attenzione alla qualità del cibo (bio, stagionale, km 0, equo-solidale) e alla riduzione degli impatti ambientali e sociali. Anche quest’anno sul palco dell’evento 2018, giunto alla XII edizione, salirà chi ha saputo eccellere in questo settore, e raccoglierà il testimone dal piccolo comune di Samassi, realtà del Medio Campidano, nel Sud della Sardegna.
Il sindaco di questa comunità (poco più di 5mila abitanti), Enrico Pusceddu, proprio in questi giorni ha “dato una lezione” all’omologa di Lodi Sara Casanova, al centro delle polemiche perché ha deciso di escludere dalla mensa scolastica i figli di quelle coppie immigrate che non hanno potuto attestare eventuali proprietà nel paese d’origine, perdendo  – secondo il nuovo regolamento comunale – il diritto al buono pasto. Una scelta amministrativa esclusiva e per questo discutibile, che ha smosso le coscienze di migliaia di persone che, da tutta Italia, hanno aderito – con successo – a una raccolta fondi volta a pagare la mensa a tutti i bambini immigrati.

Anche Pusceddu si è fatto avanti, con una educata ma diretta lettera indirizzata alla prima cittadina leghista: Qui a Samassi la mensa scolastica è aperta a tutti, grazie al km zero e agli orti didattici: i costi si sono abbassati notevolmente, ma la qualità è migliorata. Tanto da meritarci un premio”. Sì, perché da quelle parti i bambini mangiano ciò che coltivano, oltre a prodotti locali e nel rispetto della stagionalità. Un pasto costa all’amministrazione poco meno di 5 euro e ogni famiglia ne paga circa 2. Non esiste evasione, anche i più poveri possono permetterselo. Una realtà che esiste da sei anni e si sta sempre più diffondendo in Italia. E io vorrei portarla anche da voi a Lodi– ha scritto Pusceddu – , magari prima invitandovi qui per vedere come si fa. Siamo a disposizione”. 

Con orgoglio rilanciamo l’invito-appello del sindaco sardo, estendendolo a tutti i comuni d’Italia: puntate sul bio, sull’abbattimento dell’impatto ambientale nella gestione del servizio, sul km zero e sulla stagionalità, così dal ridurre i costi innalzando la qualità. Ne parleremo anche venerdì 19 alle 11 durante il convegno L’innovazione nella ristorazione collettiva per un’economia sostenibile e circolare”, in quella che sarà la seconda e ultima giornata del Forum.

Una mensa verde è una mensa per tutti, senza esclusioni, senza divisioni. E chissà che l’anno prossimo non ci siate voi, sul nostro palco, per ritirare il meritato Premio Mensaverde! 

© photo credit: https://bit.ly/2PEYNN5
______________________________

Sito web: https://www.forumcompraverde.it
Facebook: https://www.facebook.com/forumcompraverde/
Twitter: https://twitter.com/_compraverde
LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/forumcompraverde

Hashtag ufficiale: #compraverde

Social media

News

Principio DNSH: aggiornati gli orientamenti tecnici della Commissione Europea per valutare le misure PNRR

Principio DNSH: aggiornati gli orientamenti tecnici della Commissione Europea per valutare le misure PNRR

Lo scorso 11 ottobre è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la Comunicazione della Commissione UE C/2023/111 che aggiorna gli “orientamenti tecnici sull’applicazione del principio del “non arrecare un danno significativo” all’ambiente anche noto come principio DNSH, cioè “Do No Significant Harm”. La pubblicazione fornisce casi pratici di applicazione, con tanto di schede e simulazioni.

Whole School Food Approach, come trasformare la mensa scolastica in un luogo di apprendimento

Whole School Food Approach, come trasformare la mensa scolastica in un luogo di apprendimento

I sistemi alimentari scolastici sono caratterizzati da tantissime criticità. In Italia è ancora molto presente la povertà alimentare che prima con il Covid e poi con la crisi energetica si è aggravata e interessa oggi circa 540.000 bambini che vivono in famiglie sotto la soglia di povertà. Secondo l’Osservatorio Con i bambini,  il 2,8% dei bambini italiani non consumano nemmeno un pasto proteico al giorno.

Consumption Footprint, il nuovo indicatore per valutare l’impatto ambientale del consumo dell’UE

Consumption Footprint, il nuovo indicatore per valutare l’impatto ambientale del consumo dell’UE

Misurare la sostenibilità e gli impatti ambientali è una priorità dell’Unione europea per valutare l’efficacia delle politiche e degli interventi legislativi. Per realizzare una produzione e un consumo più sostenibili, la Commissione europea ha sviluppato un quadro di riferimento basato sulla valutazione del ciclo di vita (LCA), che consente di valutare gli impatti ambientali legati al consumo di beni e servizi nell’UE.