Approvato definitivamente il PNRR: all’Italia 191,5 miliardi, il 40% per la rivoluzione verde

14 Luglio 2021

L’Ecofin (Consiglio Economia e Finanza) ha definitivamente approvato – e senza osservazioni – il recovery plan italiano, ovvero il piano nazionale di rilancio e resilienza (Pnrr) varato dal Governo Draghi per accedere ai 191,5 miliardi di euro stanziati dall’Unione Europea, tramite il programma Next Generation EU, per rilanciare le economie degli Stati membri dopo la crisi causata dalla pandemia. In Italia, per esempio, nel 2020 si è registrato un calo del PIL (prodotto interno lordo) dell’8,9%, un valore più alto di quasi 3 punti percentuali rispetto alla media europea.

25 miliardi in arrivo questa estate

Una pioggia di denaro, la cui prima tranche pari a 25 miliardi arriverà già tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, che in 5 anni finanzierà una serie di investimenti in ogni settore del Paese. “È stato approvato a larga maggioranza in Parlamento – ha ricordato Draghi dopo l’annuncio dell’Ecofin – , e dopo il pieno coinvolgimento degli enti territoriali e delle parti sociali. Ma deve essere anche uno stimolo a spendere bene i soldi che ci arriveranno e ad approvare in tempi rapidi le riforme che abbiamo concordato con la Commissione Europea”. Il finanziamento europeo si aggiunge a quanto già stanziato dal Governo nel Bilancio 2021-2026, per un totale che supera i 310 miliardi di euro.

Le 3 priorità dell’Italia

Sono tre le priorità individuate per il rilancio economico del Paese, tre obiettivi che andranno raggiunti facendo leva sui fondi stanziati dall’Unione Europea e dal Governo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale. Inoltre, le azioni messe in campo dal Pnrr impatteranno su altri tre temi ritenuti cruciali: la parità di genere (quella gender equality che già da tempo è tra i temi caldi del Forum Compraverde Buygreen), la questione giovanile e quella meridionale. Le proiezioni dicono che il vasto insieme di investimenti messi in campo porterà, nel 2026, ad un aumento del PIL di 3 punti percentuali.

Quasi 80 miliardi per la rivoluzione verde e la transizione ecologica

Tema centrale anche del Forum Compraverde Buygrenn 2021, che si terrà a largo Ascianghi a Roma il 6-7-8 ottobre, il recovery plan riserva un’attenzione molto particolare alla transizione ecologica e alla mobilità sostenibile.

Ben il 40% delle risorse che arriveranno all’Italia verranno investite nella rivoluzione verde e nella transizione ecologica, questo significa quasi 80 miliardi di euro se si considerano anche i fondi di bilancio stanziati dal Governo. Il budget si alza ulteriormente andando a includere quanto verrà stanziato per le nuove infrastrutture per una mobilità sostenibile, ovvero quasi 32 miliardi. Un pacchetto da oltre 110 miliardi che come scopo quello di portare l’Italia  nuovi livelli di crescita e sviluppo. Dall’efficienza energetica e riqualificazione degli edifici (30 miliardi) alla transizione energetica e mobilità locale sostenibile (18 miliardi), passando per la tutela e la valorizzazione del territorio e della risorsa idrica (15 miliardi), senza dimenticare la promozione della sostenibilità ambientale nella filiera agricola e la realizzazione di nuovi impianti per la valorizzazione dei rifiuti (7 miliardi), numerosi saranno gli interventi per concretizzare gli obiettivi del “new green deal” italiano. Con il 50% degli investimenti che saranno riservati al Mezzogiorno.

 

 

Social media

News

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Oltre 15 organizzazioni europee, hanno inviato una lettera congiunta alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen con un messaggio chiaro: usiamo gli appalti pubblici alimentari per fornire cibo più sostenibile e più sano! Le organizzazioni chiedono di definire chiaramente le aree per il futuro sviluppo di criteri minimi obbligato per l’acquisto di alimenti sostenibili e, in particolare, di includere 4 standard minimi strategici.

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Dopo sei lunghi anni l’Italia ha il suo Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC). Con decreto firmato dal ministro Gilberto Pichetto Fratin lo scorso 21 dicembre (il n. 434) e ufficializzato il 2 gennaio 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica pone una prima pietra sui processi di adattamento al cambiamento climatico in un Paese che gli scienziati considerano un hotspot climatico. Ecco cosa ne pensano gli ambientalisti.

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Da un lato c’è il greenwashing, la tendenza di molte aziende di autoproclamarsi sensibili ai temi ambientali quando in realtà non lo sono. Dall’altro il green hushing, l’intenzione di mantenere segreti obiettivi e risultati di sostenibilità, anche quando sono plausibili, per paura di essere accusati di greenwashing o per paura che altri possano imitare le stesse buone pratiche. In entrambi i casi il silenzio comporta conseguenze tutt’altro che positive.