II Edizione per CompraVerde Veneto, il Forum regionale degli Acquisti Verdi

8 Giugno 2018

Giunto alla sua II Edizione il Forum CompraVerde-BuyGreen Veneto vi da appuntamento il  20 e 21 giugno 2018 a Venezia, Palazzo della Regione del Veneto, Sala Conferenze.  L’evento – promosso dalla Regione del Veneto, la Fondazione Ecosistemi e inserito tra le iniziative del Progetto Life PrepAir per la sostenibilità ambientale – è dedicato alle politiche, i progetti e i servizidi Green Procurement pubblico e privato (Acquisti Verdi) per lo sviluppo sostenibile del territorio veneto e in linea con gli obblighi sui criteri ambientali previsti dal nuovo codice appalti.

Con un programma qualificato di appuntamenti culturali e formativi disponibile qui, il Forum ha come protagonisti amministratori e funzionari delle pubbliche amministrazioni, operatori del sistema imprenditoriale, enti e organizzazioni per la ricerca, la formazione e l’educazione allo sviluppo sostenibile con l’obiettivo di attivare collaborazioni, sinergie e scambi.

Il Forum si arricchisce quest’anno dell’assegnazione della prima edizione del Premio CompraVerde Veneto, articolato nelle due categorie “Stazioni Appaltanti” e “Imprese”. Obiettivo del riconoscimento è di definire, promuovere e incentivare criteri di sostenibilità ambientale finalizzati a sensibilizzare da un lato le pubbliche amministrazioni, affinché adottino un nuovo approccio all’acquisto pubblico di beni e servizi; dall’altro le imprese, affinché si distinguano per l’uso sistematico di tutele ambientali nei propri processi organizzativi, gestionali e di qualifica dei fornitori.

La seconda giornata dell’evento sarà dedicata a due appuntamenti con focus specifico sull’edilizia sostenibile, in co-organizzazione con l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Venezia e la Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti del Veneto e accreditati presso gli stessi ordini professionali così da consentire ai partecipanti che ne faranno richiesta di acquisire i Crediti Formativi Professionali previsti.

Date le caratteristiche dell’evento e il numero limitato di posti, per presenziare bisogna accreditarsi ad ogni singola iniziativa in programma entro il 18 giugno al forumcompraverdeveneto.adescoop.it.

Social media

News

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Lettera alla Commissione UE: oltre 15 organizzazioni europee chiedono acquisti alimentari sostenibili

Oltre 15 organizzazioni europee, hanno inviato una lettera congiunta alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen con un messaggio chiaro: usiamo gli appalti pubblici alimentari per fornire cibo più sostenibile e più sano! Le organizzazioni chiedono di definire chiaramente le aree per il futuro sviluppo di criteri minimi obbligato per l’acquisto di alimenti sostenibili e, in particolare, di includere 4 standard minimi strategici.

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici: approvazione tra applausi e critiche

Dopo sei lunghi anni l’Italia ha il suo Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (PNACC). Con decreto firmato dal ministro Gilberto Pichetto Fratin lo scorso 21 dicembre (il n. 434) e ufficializzato il 2 gennaio 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica pone una prima pietra sui processi di adattamento al cambiamento climatico in un Paese che gli scienziati considerano un hotspot climatico. Ecco cosa ne pensano gli ambientalisti.

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Green hushing e transizione ecologica: quando il silenzio sulla sostenibilità aziendale non è l’alternativa

Da un lato c’è il greenwashing, la tendenza di molte aziende di autoproclamarsi sensibili ai temi ambientali quando in realtà non lo sono. Dall’altro il green hushing, l’intenzione di mantenere segreti obiettivi e risultati di sostenibilità, anche quando sono plausibili, per paura di essere accusati di greenwashing o per paura che altri possano imitare le stesse buone pratiche. In entrambi i casi il silenzio comporta conseguenze tutt’altro che positive.